Cambiamo mira! Investiamo nella Pace

Investire e investirci nella Pace: questo è il problema! Ed è un problema permanente, sempre urgente e concreto, per un Paese come il nostro che “ripudia la guerra” (Costituzione). Tanto più per un cristiano!… Come potrebbe un credente, discepolo di Gesù, il Maestro delle Beatitudini (“ Beati gli operatori di Pace”), depositare soldi in una banca che investe nel mercato delle armi, con tutto ciò che questo significa, oggi più che mai, in distruzione di vite umane, quasi sempre civili, in devastazione di vita a tutti i livelli, psicofisica e mentale, vegetale ed animale, culturale, storica, ambientale e con durata pressoché secolare…?

Gesù è venuto perché tutti abbiamo vita, “vita in pienezza” (Gv 10,10), rigogliosa, buona, sana, sacra.

Potremmo dire che Dio è venuto sulla terra perché ad ogni sua creatura sia riconosciuto il diritto e il gusto di vivere la propria vita, per piccola e breve che sia, in bellezza, con dignità. E tutto in una prospettiva di compimento progressivo, cosmico, eterno. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Cambiamo mira! Investiamo nella Pace

Giornata del Creato

Preghiera scritta da Papa Francesco per questo anno speciale dedicato alla cura del pianeta:

Dio amorevole, Creatore del cielo, della terra e di tutto ciò che contengono.
Apri le nostre menti e tocca i nostri cuori, affinché possiamo essere parte del creato, tuo dono.
Sii presente ai bisognosi in questi tempi difficili, specialmente i più poveri e i più vulnerabili.
Aiutaci a mostrare solidarietà creativa nell’affrontare le conseguenze di questa pandemia globale.
Rendici coraggiosi nell’abbracciare i cambiamenti rivolti alla ricerca del bene comune.
Ora più che mai, che possiamo sentire di essere tutti interconnessi e interdipendenti.
Fai in modo che riusciamo ad ascoltare e rispondere al grido della terra e al grido dei poveri.
Possano le sofferenze attuali essere i dolori del parto di un mondo più fraterno e sostenibile.
Sotto lo sguardo amorevole di Maria Ausiliatrice, ti preghiamo per Cristo Nostro Signore.
Amen. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Giornata del Creato

Addio a Renato Galleno

Servi della Chiesa, addio a Renato Galleno

Originario di Bagnolo, è morto il 12 agosto. Il ricordo di don Mario Pini

Si sono svolti lunedì 17 agosto, nella chiesa parrocchiale di Badia Polesine, i funerali del dottor Renato Galleno, per anni consigliere e poi superiore generale dei Servi della Chiesa.

Don Mario Pini con questo articolo lo ricorda ai suoi fratelli e sorelle ed a quanti lo hanno conosciuto ed amato.

Quando un uomo giunge al termine della sua vita carico di anni e di meriti, il nostro pensiero ammirato esprime al Signore la sua riconoscenza. Anche il dolore del distacco, che pure ci arreca tanta amarezza, si risolve in un grazie sentito al buon Dio per averci fatto dono di un amico così caro e prezioso. Il nostro Renato è giunto preparato alla conclusione della sua vita. Da tempo nella sua preghiera, che ha sempre riempito tanta parte della sua giornata e spesso della notte, si dirigeva al Signore invocandolo con tenerezza filiale di venire a prenderlo e di aprirgli la porta della beata eternità. Negli ultimi tempi, congedava i suoi amici con un saluto patriarcale: “Ciao, ti benedico nel nome del Signore!”.

Vedi il servizio de “La voce di Rovigo” https://youtu.be/TU9PoqweJkQ

Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Addio a Renato Galleno

Buona semina!

In diversi momenti del suo cammino la chiesa ha parlato di temi nuovi…in tempi nuovi… pensiamo alla Rerum Novarum che presenta alla Chiesa i tempi nuovi della industrializzazione e quello che comporta come cristiani nel 1891, pensiamo al Concilio Vaticano II che nei suoi documenti parlò di nuovi tempi nella quarta costituzione “Gaudium et Spes” il tempo del dialogo con il mondo di oggi nel 1965. Un percorso accidentato che oggi ci ritrova in un tempo nuovo… chiamiamolo tempo del Covid..nel 2020 o post Covid… speriamo. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Buona semina!

SOBRIETA’ E POVERTA’ COME STILE DI VITA

Sono tante le possibilità e le modalità che come singoli, famiglie, comunità, associazioni, parrocchie, anche Congregazioni e Diocesi, possiamo sviluppare per prendere a cuore il tema della società e del pianeta dal punto di vista dell’ ecologia integrale, ispirandoci alla Laudato sì.
Come Istituto dei Servi e Serve della Chiesa, venerdì 17 luglio 2020, al Centro di Spiritualità di Marola, vi dedichiamo l’intera giornata e vorremmo condividere anche con altri le riflessioni, le esperienze, gli approfondimenti e le azioni che contengono una visione integrale di cambiamento.
Un breve richiamo di alcuni passi dell’Enciclica, concernenti in particolare il valore della biodiversità, l’interdipendenza tra impoverimento sociale e degrado ambientale e il rapporto Trinità e creazione, aprirà la giornata. Seguiranno alcune comunicazioni riguardanti studi e corsi tematici, con approcci culturali diversi, anche trasversali, ma complementari. L’ascolto aprirà il dialogo… Continua a leggere

Pubblicato in Info | Lascia un commento

Perché celebrare ancora il 25 giugno?

Il senso di questa festa la recuperiamo dalle parole di don Dino, nostro padre, che ci incoraggiano a credere che l’Istituto è opera di Dio.

Leggiamo di nuovo il suo testo e ascoltiamo la sua fede che ci interpella e chi chiama. Leggiamo con attenzione ed amore il testo riportato sotto.

Partendo da questo momento di fede importante di don Dino, vorrei condividere con voi, insieme a don Emanuele, quattro meditazioni che verranno pubblicate sul canale YouTube Masone20.

Prima meditazione
Seconda meditazione
Terza meditazione
Quarta meditazione

Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Perché celebrare ancora il 25 giugno?

ZAIRA VERATTI, UNA  VITA DA ROMANZO

a cura di PAOLO VECCHI e PAOLO SIMONAZZI

Zaira  Veratti  nasce  in una  casa  di  contadini  di  fronte alla  chiesa  di  Buonacompra, frazione   del   comune  di   Bondeno,  provincia   di   Ferrara,   il   17  maggio   1919,  da Margherita Brunelli, che faceva  la mondina tra il Piemonte e il Pavese.  Il cognome  di Veratti  le  deriva    dall’uomo  che più  tardi  sposa sua madre e al  quale    lei  rimarrà sempre molto legata. Zaira segue la famiglia in Piemonte, dove il padre putativo fa il bergamino   (bovaro).  I  suoi   studi   si   fermano  alla   prima   elementare,   dunque è analfabeta. Da giovanissima comincia a fare la mondina e altri lavori  agricoli.

Durante la  RSI si  unisce  ai  partigiani  della  val  d’Ossola  comandati  da Cino Moscatelli, che sarà uno dei liberatori di Milano. Fa la staffetta, prepara da mangiare ma, riferisce Zaira,  porta  sempre  con  sé  un  piccolo  mitra.  Quando  la  madre  di   Moscatelli  si nasconde in un convento, lei e  il figlio   Cino la  vanno a trovare, entrambi  vestiti  da suora. Zaira  è un animo  semplice,  ce l’ha  coi  fascisti  che aveva visto  picchiare  i suoi cugini socialisti,  ma non con Mussolini  che non vuole  criminalizzare   e che secondo lei ha fatto  delle  cose buone per i  poveri.  Secondo Zaira  il  Duce è stato  rovinato  dai camerati che gli  stavano intorno. Ha un buon ricordo anche di  Donna Rachele, perchè qualche volta le  ha fatto l’elemosina.  Non è anticlericale ma ha votato per lo più “falce e martello”.

Nella foto Zaira Veratti nel 1987 a casa Simonazzi   con  “Pavolo”:   così   chiama Paolo nel suo dialetto misto. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su ZAIRA VERATTI, UNA  VITA DA ROMANZO

Circolare S.Pasqua 2020

Carissimi,

vi scrivo da Masone, bloccato in casa come lo sarete voi tutti, nel rispetto delle misure adottate dal Governo Italiano per contrastare la diffusione del “coronavirus”: comportamenti richiesti in questa fase di emergenza in vista della tutela della salute e quindi del bene della nostra gente, ma che ci portano anche a considerare di come queste incidono sulla vita nostra, delle comunità cristiane e dei singoli fedeli.
Prima di tutto l’emergenza che viviamo deve essere occasione per riflettere sulla precarietà e sulla fragilità della vita umana: ci troviamo nella povertà’ del rischio grande per la salute nostra e di quella degli altri. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Circolare S.Pasqua 2020

Acqua, dono di Dio e diritto universale

Domenica 22 marzo: Giornata Mondiale dell’Acqua

Domenica scorsa, 3^ di Quaresima, con la lettura dell’Esodo (17,3-7) “dacci acqua da bere”, nel deserto, e poi, con il Vangelo di Gesù e della Samaritana al pozzo (Gv. 4,5-42), dove il Cristo parla di “sorgente di acqua per la vita eterna”, la Liturgia ci ha già portati a riflettere su uno dei temi e dei diritti umani “essenziali, fondamentali, universali” (Laudato sì, 30) del mondo di oggi, il diritto all’acqua buona e sana.

La Liturgia, a suo modo, ci ha preparati alla riflessione/conversione anche in vista della Giornata Mondiale dell’acqua, domenica prossima 22 marzo. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Acqua, dono di Dio e diritto universale

Un giardino, un’aiuola, un albero della Memoria in parrocchia, a scuola, nel quartiere…

Nel suo recente messaggio natalizio Papa Francesco ha invitato a fare presepi e a collocarli un po’ ovunque all’esterno, non solo in casa o in chiesa. Ci permettiamo di riprendere l’idea, collegandola alla piantumazione di qualche albero con eventuali cespugli di contorno, per fare un piccolo “giardino della memoria”, a ricordo di persone che sono state luce e forza in situazioni tenebrose, a livello locale, nazionale o mondiale. Generalmente le Amministrazioni civili dedicano vie, piazze, parchi, monumenti, targhe a testimoni illustri ed esemplari.

Un giardino, un’aiuola, o anche solo la piantumazione di un albero, realtà di per sé già riscontrabile in vari luoghi, ha la caratteristica specifica, importante, legata all’ambiente di vita, all’aria che respiriamo, all’interdipendenza tra noi umani e gli altri esseri viventi, tutti considerati soggetti e non semplici oggetti, quasi fossero “natura morta” insensibile ed estranea. Tutta la realtà esistente, anche inconsapevolmente , è portatrice di un messaggio che ci rimanda al Creatore di tutti e di tutto: se, per esempio, trattiamo gli alberi come soggetti, dialoghiamo con loro, li ascoltiamo, li amiamo e rispettiamo, (anche senza la pretesa o l’illusione di essere dei nuovi san Francesco…ognuno è unico!), saremo loro riconoscenti per i molteplici servizi, la varietà, la bellezza, i profumi, la sintesi clorofilliana,  i colori, i frutti, le protezioni, le sostanze medicinali, le “lezioni” di vita e di morte, compresa l’arte di ritirarci, nella consapevolezza serena della nostra  comune fragilità e finitudine. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Un giardino, un’aiuola, un albero della Memoria in parrocchia, a scuola, nel quartiere…