Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su

La Pasqua 2019, un dono per risorgere oggi..

Carissimi fratelli,

il Signore ci chiama a partecipare alla vita nuova di Cristo: una vita presente e attiva che continuamente ci parla e ci sollecita ad uscire…

Dal brano del vangelo di Pasqua tutto comincia quando ancora era buio, buio quando le donne andarono al sepolcro… un buio che ci ricorda l’oscurità propria della fede, come sul Calvario, come nell’orto degli ulivi… un buio dove nasce, come a Betlemme, il grande dono della fede, cioè vedere un Dio fedele alle sue promesse… fedele a Betlemme come a Gerusalemme, fuori dalle mura e dentro al cenacolo con le porte sbarrate per paura dei giudei. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su La Pasqua 2019, un dono per risorgere oggi..

Incarnazione… quotidiana alternativa

di Don Emanuele Benatti

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Incarnazione… quotidiana alternativa

Avvento: tempo di speranza vera

Il Signore è il mio pastore, nulla mi manca.. cosi inizia il salmo 22. E’ davvero bello e necessario riprendere ogni anno il cammino dietro al pastore grande delle nostre anime, Gesù il Cristo che ha cura delle pecore del suo amatissimo gregge. Riprendere il cammino dietro al buon pastore che ci conduce ai verdi pascoli della sua Parola attraverso l’anno liturgico e le acque tranquille di vita che troviamo sempre nuova nel dono dello spirito dei sacramenti nella Chiesa. Come è buono questo pastore fedele che continua a darci ciò che è necessario e attraverso la Chiesa ci chiama a servire i fratelli e le sorelle. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Avvento: tempo di speranza vera

Ci sono segni di fraternità che sostengono il voto di povertà e che aprono la strada ai giovani al servizio

Dall’Esortazione apostolica “Evangelii Gaudium” di Papa Francesco

  1. Una sfida importante è mostrare che la soluzione non consisterà mai nel fuggire da una relazione personale e impegnata con Dio, che al tempo stesso ci impegni con gli altri. Questo è ciò che accade oggi quando i credenti fanno in modo di nascondersi e togliersi dalla vista degli altri, e quando sottilmente scappano da un luogo all’altro o da un compito all’altro, senza creare vincoli profondi e stabili: «Imaginatio locorum et mutatio multos fefellit».68 È un falso rimedio che fa ammalare il cuore e a volte il corpo. È necessario aiutare a riconoscere che l’unica via consiste nell’imparare a incontrarsi con gli altri con l’atteggiamento giusto, apprezzandoli e accettandoli come compagni di strada, senza resistenze interiori. Meglio ancora, si tratta di imparare a scoprire Gesù nel volto degli altri, nella loro voce, nelle loro richieste. È anche imparare a soffrire in un abbraccio con Gesù crocifisso quando subiamo aggressioni ingiuste o ingratitudini, senza stancarci mai di scegliere la fraternità.69

Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Ci sono segni di fraternità che sostengono il voto di povertà e che aprono la strada ai giovani al servizio

“IN SANTITA’ OSTINATA E CONTRARIA”

Don Zeno e i “matti di Dio”

A cura di
ENRICO  GALAVOTTI  E  FEDERICO  RUOZZI

Carissimi,
mi permetto segnalarvi questo volume dal titolo intrigante e ancor più dal sottotitolo: Don Zeno e i “matti di Dio” tra i quali, oltre don Milani, padre David Maria Turoldo, padre Giovanni Vannucci, don Giuseppe Sandri, vengono ricordati in un lungo capitolo “don Dino Torreggiani e don Alberto Altana, preti tra i sinti” a cura di Giulia Grossi, mentre il volume è stato realizzato a cura di Enrico Galavotti e Federico Ruozzi, che alcuni di noi già conoscono, insieme a Alberto Melloni che ne fa l’introduzione. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su “IN SANTITA’ OSTINATA E CONTRARIA”

Stare insieme

Carissimi fratelli e sorelle sono appena rientrato dal terzo viaggio in madagascar dopo quello per il Capitolo nell’inverno 2016/7.

Ho nel cuore ancora la gioia del nostro bello e confortante “stare insieme” che si aggiunge alla gioia di aver vissuto a Marola e a Masone con tanti Servi e Serve, con  alcune famiglie  della Regione Europa e America Latina. Una gioia che porta speranza e incoraggiamento a tutti!! Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Stare insieme

Messaggio del responsabile

Carissimi Fratelli e sorelle, vi scrivo nel mese di giugno dalla nostra casa di Masone. Vi porto a tutti i saluti di Don Emanuele e di Redento!! Io Sto bene e condivido con voi la gioia di essere Sacerdote e consacrato nel nostro Istituto che don Dino diceva  “è opera di Dio”. Ne sento davvero la bellezza e la gioia che mi da il Signore nell’essere suo e di avere una bella famiglia sparsa per il mondo che cammina a servizio della Chiesa e dei poveri. Un dono stupendo della grazia di Dio. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Messaggio del responsabile

70° di Fondazione del Nostro Istituto

Carissimi

Celebriamo quest’anno il 70° di Fondazione del Nostro Istituto: 19 Marzo 1948 -19 Marzo 2018.

Don Dino affermava si trattasse quel giorno, 19 Marzo 1948, festa di S.Giuseppe, di un miracolo: “insperatamente, Sua Ecc.za Reverendissima Mons. Beniamino Socche approvava la prima Regola del nostro Istituto…Noi ne fummo sommamente felici, e tale approvazione ci diede la certezza di fede di essere nella volontà di Dio”.

Credo che il miglior modo di celebrare il nostro 70° di vita di Istituto sia fare memoria del nostro cammino partendo dalle origini, dalle fonti, fino ai giorni nostri, e siamo invitati a fare memoria della nostra strada personale di servi: come il Signore mi ha condotto fino a qui, come mi ha condotto per mano. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su 70° di Fondazione del Nostro Istituto

 Un invito alla santità.

Abbiamo partecipato alla beatificazione in Madagascar di un laico, il Signor Lucien Botovasoa, che ha dato testimonianza di vita cristiana e di coraggio nell’essere fedele al Signore e alla verità di fronte ad ogni autorità. In quella liturgia, preparata benissimo e partecipata da una grande folla, mi ha colpito molto quello che è stato portato all’altare: non il corpo del beato che è disperso ma i registri in cui si leggono il suo atto di battesimo e di matrimonio ed alcuni suoi scritti. Delle reliquie povere perché manca il corpo ma ricche perché dicono che faceva parte della comunità cristiana e come tale ha dato testimonianza. Non possiamo trovare la tomba e questo ci ricorda un po’ la Pasqua di Gesù. Il suo corpo non si trova ma Lui è vivo e presente. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su  Un invito alla santità.