L’UMILTÀ

di Raymonde

Il mondo è in crisi : la guerra in Siria, in Iraq, in Mali, in Sudan, ecc … Il terrorismo, l’afflusso di immigrati in Europa, l’esodo del popolo rohingyas cacciato dalla propria patria, la Birmania, ecc… Il mondo è malato ; è infettato da malattie contagiose che si chiamano odio ed ingiustizia.

Perché ? Forse a causa della graduale scomparsa di queste tre attitudini umane : l’Umiltà, la Dolcezza e la Pazienza. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su L’UMILTÀ

“Vi manderò un nuovo Paraclito”

Nella Chiesa Dio opera sempre le sue meraviglie. Le compie in epoche e in modi diversi, ma tutte sono prodotte da questo nuovo Paraclito. Esso genera continuamente figli nuovi alla sua Chiesa e la chiama a lavorare nella sua vigna. Una vigna molto antica, che un altro popolo aveva preso sotto la sua responsabilità, ma che poi con il suo rifiuto di accogliere il Figlio, ha prodotto una nuova chiamata. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su “Vi manderò un nuovo Paraclito”

MARIA, DONNA DEL TERZO GIORNO

Santa Maria, donna del terzo giorno, donaci la certezza che, nonostante tutto, la morte non avrà più presa su di noi. Che le ingiustizie dei popoli hanno i giorni contati. Che i bagliori delle guerre si stanno riducendo a luci crepuscolari. Che le sofferenze dei poveri sono giunte agli ultimi rantoli. Che la fame, il razzismo, la droga sono il riporto di vecchie contabilità fallimentari. Che la noia, la solitudine, la malattia sono gli arretrati dovuti ad antiche gestioni. E che, finalmente, le lacrime di tutte le vittime delle violenze e del dolore saranno presto prosciugate come la brina dal sole della primavera. Santa Maria, donna del terzo giorno, strappaci dal volto il sudario della disperazione e arrotola per sempre, in un angolo, le bende del nostro peccato. A dispetto della mancanza di lavoro, di case, di pane, confortaci col vino nuovo della gioia e con gli azzimi pasquali della solidarietà. Donaci un po’ di pace. Impediscici di intingere il boccone traditore nel piatto delle erbe amare. Liberaci dal bacio della vigliaccheria. Preservaci dall’ egoismo. E regalaci la speranza che, quando verrà il momento della sfida decisiva, anche per noi come per Gesù, tu possa essere l’arbitra che, il terzo giorno, omologherà finalmente la nostra vittoria.

+ don Tonino Bello, Vescovo
fonte: “Maria, donna del terzo giorno”, 1988

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su MARIA, DONNA DEL TERZO GIORNO

GIARDINO… CAREZZA DI DIO

Il cosmo abissale e misterioso,
un giardino
e l’Eterno vi si specchia
con il Verbo.

La storia esaltante e tormentata,
un giardino
e lo Spirito la feconda
con l’amore.

L’Eden brulicante e benedetto,
un giardino
e l’umano lo coltiva
col sudore.

Il Golgota deturpato e infamante,
un giardino
e il Cristo lo riscatta
con il sangue.

La Chiesa millenaria e peccatrice,
un giardino
e il Papa la sconvolge
col Vangelo.

Il cuore indurito e sofferente,
un giardino
e la Croce lo guarisce
con la Pasqua.

don Emanuele

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su GIARDINO… CAREZZA DI DIO

Buona Pasqua!

Chagall- 1951
In questo dipinto la morte impregna l’aria. Solo il Cristo si sottrae miracolosamente alla sua morsa ed emerge, sconfinando dai margini della tela fino ad abbracciare l’osservatore: quanto qui accade lo coinvolge, lo interessa da vicino. L’amore è la luce del mondo, l’amore impedisce il trionfo del male. Cristo è l’amore incarnato che ha vinto il peccato, gettando così un “ponte” di comunione fra Dio e l’uomo; è il sommo ed eterno “ponte-fice” (pontem facere). La barca della vita, di ogni vita umana, grazie a lui conosce l’approdo della salvezza e della pace.

Le disse Gesù: «Non ti ho detto che, se crederai, vedrai la gloria di Dio?». 

Il Vangelo di Lazzaro ci dona di disporci alla Pasqua ma, soprattutto, di condurci alla Pasqua a patto che da parte nostra ci sia la scelta di lasciarci condurre.
Nel brano del Vangelo dell’ultima domenica di Quaresima, ricchissimo, ci sono tre azioni ricondotte a Gesù.
Innanzitutto Gesù FREME. Di fronte alla morte di Lazzaro Gesù attesta la presenza tragica della morte. Come all’inizio del Vangelo Gesù non usa mezzi termini: la morte è presente alla sua vita, alla nostra e a quella di tutti. La morte fa schifo. Questo potrebbe essere il fremere di Gesù. Così anche noi di fronte alla morte ci adeguiamo ad essa, soprattutto quando il rendercene conto non ci fare neanche un passo verso un possibile ascolto di Gesù. Paradossalmente siamo più inclini a scendere a patti con la morte che aprirci alla vita che è Gesù.
Gesù non ci sta a darla vinta alla morte. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su Buona Pasqua!

La pietra scartata

Mt 21, 42-44

“In quel tempo Gesù disse: Non avete mai letto nelle scritture: La pietra che i costruttori hanno scartata, essa è divenuta pietra angolare: ciò è fatto dal Signore, ed è meraviglioso agli occhi nostri??”

Carissimi fratelli e sorelle,

in prossimità della S. Pasqua, vi scrivo questa lettera con la gioia per le meraviglie che fa il Signore, anche e soprattutto in questo particolare periodo dell’anno liturgico.

Nelle celebrazioni pasquali assistiamo alla realizzazione del progetto di Dio che rinnova ogni cosa per mezzo di Gesù. Davanti a questa meraviglia non possiamo che non ripartire con uno sguardo nuovo, riconoscenti del servizio che ogni giorno ci chiede.  Continua a leggere

Pubblicato in Info | Lascia un commento

CENERE IN TESTA E ACQUA SUI PIEDI

“Carissimi, cenere in testa e acqua sui piedi. Tra questi due riti, si snoda la strada della quaresima. Una strada, apparentemente, poco meno di due metri. Ma, in verità, molto più lunga e faticosa. Perché si tratta di partire dalla propria testa per arrivare ai piedi degli altri. A percorrerla non bastano i quaranta giorni che vanno dal mercoledì delle ceneri al giovedì santo. Occorre tutta una vita, di cui il tempo quaresimale vuole essere la riduzione in scala. Pentimento e servizio. 
Sono le due grandi prediche che la chiesa affida alla cenere e all’acqua, più che alle parole. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su CENERE IN TESTA E ACQUA SUI PIEDI

IN CAMMINO VERSO LA PASQUA

Carissimi, vi scrivo per augurare a tutti un buon cammino quaresimale. Un cammino in cui ci sentiamo una famiglia in viaggio. Questa famiglia molto diversificata, come tante altre che hanno anche al loro interno componenti che vivono lontano, ci dice qualcosa della famiglia oggi. La famiglia è in strada in tanti sensi: vive l’incertezza, la fatica, l’isolamento e la speranza. Penso che anche noi, in cammino come famiglia e come singoli membri, viviamo alcuni di questi aspetti che sono parte dell’esperienza di Gesù e degli Apostoli. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Lascia un commento

EUCARISTIA – MALATTIA – FRAGILITA’

di don Emanuele Benatti

Ci pensavo da tempo, sia per il servizio pastorale svolto a contatto con i malati del quartiere Magliana, a Roma, nei primi sette anni di sacerdozio, sia per la missione in Madagascar con i malati di lebbra, di tubercolosi e con altri portatori di handicap fisici o di infermità mentali, infine nell’UP “Madonna della Neve”per l’incontro con malati gravi, infermi da lunga data, con persone sole, indebolite nel corpo e nello spirito.

Ci pensavo e ci penso da prete, certo, insieme a sacerdoti amici, ai diaconi, alle Suore, ai ministri straordinari dell’Eucaristia, impegnati nelle visite a domicilio.

Oltretutto, il tema della malattia e della fragilità legato a quello dell’Eucaristia, mi coinvolge anche per la presenza nell’Istituto dei Servi e Serve della Chiesa e nella mia stessa famiglia naturale, come nella parentela, di persone fragilizzate dall’età o da malattie curabili, ma non guaribili. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su EUCARISTIA – MALATTIA – FRAGILITA’

CAPITOLO E NOVITA’ TRA I SERVI E LE SERVE DELLA CHIESA

Don Stefano Torelli e Raymonde Rakotovao nuovi Responsabili

Don Stefano Torelli

La grande Assemblea Generale (Capitolo) dei Servi e delle Serve della Chiesa viene celebrata ogni 5 anni ed ha lo scopo di tracciare e offrire le linee comuni di vita e di impegno programmatico per il successivo quinquennio, alla luce dei 5 anni trascorsi, ma soprattutto dei segni dei tempi, con particolare riferimento alle nuove forme di povertà e ad eventuali nuovi servizi di cui la Chiesa e la Società possono aver bisogno. Al termine dell’Assemblea si procede sempre alle elezioni  distinte dei nuovi Responsabili della Famiglia, che formeranno i due Consigli Generali, in carica per 5 anni. Continua a leggere

Pubblicato in Info | Commenti disabilitati su CAPITOLO E NOVITA’ TRA I SERVI E LE SERVE DELLA CHIESA